SEI QUI:

GRANDALIANO RISPONDE ALLA DELIBERAZIONE DELL’ARO BAT 2. “USCITA PRIVA DI FONDAMENTO: NESSUN AUMENTO DEI COSTI E QUINDI DELLA TARI 2018 E’ IMPUTABILE A CAMBIAMENTI “RADICALI” NEL FLUSSO DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E ORGANICI DECISI DALL’AGER, SEMPLICEMENTE PERCHE’ DAL 2017 AD OGGI NESSUNA DISPOSIZIONE E’ STATA ASSUNTA IN TAL SENSO”

BARI - "E' opportuno fare presente che l'Ager non ha disposto alcun cambiamento relativamente al flusso di conferimento dei rifiuti indifferenziati, né della frazione organica, prodotti e raccolti nel Comune di Andria. Difatti, già dal 2017 i rifiuti indifferenziati (codice CER 200310) di Andria vengono regolarmente conferiti presso l'impianto di trattamento meccanico biologico gestito dalla società Manduriambiente (Manduria), così come, sempre dallo scorso anno, il destino finale della frazione organica (Forsu) è l'impianto di Ginosa gestito da Aseco SpA. Pertanto, nessun incremento dei costi e, conseguentemente, della Tari prevista nel Pef 2018, è imputabile a decisioni o a disposizioni dell'Agenzia, semplicemente perché nessuna nuova disposizione è stata assunta in tal senso".
 
Sono le affermazioni del direttore dell'Ager, Gianfranco Grandaliano, che risponde così a quanto riportato nella deliberazione n.22 di approvazione delle schede Pef 2018 dell'Aro 2 BT, dalla quale si evince che le modifiche "radicali" nella distribuzione dei flussi operate dall'Ager avrebbero determinato un aumento di circa 3 milioni e mezzo di euro nel medesimo Piano Economico Finanziario.
 
"Peraltro - prosegue Grandaliano - va evidenziato che la tariffa dell'impianto per il trattamento Forsu non ha subito alcuna variazione dal 2017 ad oggi. Ecco perché l'uscita dell'Aro BAT 2 pare fuori luogo, oltre che totalmente priva di fondamento e per nulla attinente alla realtà dei fatti".
Tuesday, 28 Aug 2018 - 12:51